vai al contenuto principale

CBD (Cannabidiolo) nelle epilessie refrattarie

I dati scientifici mostrano che il Cannabidiolo (CBD) può avere notevoli effetti positivi nelle rare forme di epilessia refrattaria (Sindrome di Dravet, Sindrome di Lennox-Gastaut, Sclerosi Tuberosa). Oltre all’effetto antiepilettico, il CBD esercita importanti effetti antinfiammatori e neuroprotettivi. Negli studi clinici e preclinici, il CBD si è dimostrato un rimedio antiepilettico sicuro ed efficace in diversi tipi di epilessia, soprattutto nelle forme infantili.
NB: considerata la gravità di queste malattie e l’eventuale interferenza del CBD con farmaci convenzionali, l’automedicazione e la terapia impostata da figure non mediche sono severamente sconsigliate.
Dr Francesco Perugini Billi©copyright
Torna su