vai al contenuto principale

Reflusso gastroesofageo e ayurveda

REFLUSSO GASTROESOFAGEO E AYURVEDA
Siamo onesti, l’approccio convenzionale al reflusso gastroesofageo è piuttosto deludente, perché puramente sintomatico e non risolutivo. La conseguenza è quasi sempre una dipendenza da IPP (inibitori pompa protonica), cui si sommano, sulle lunghe, gli effetti collaterali di questi farmaci. L’unica via possibile è un approccio combinato: dieta, stile di vita e farmaci naturali. La personalizzazione della dieta e della terapia proposta della medicina ayurvedica è spesso vincente.
NB: il reflusso gastroesofageo non è un disturbo da sottovalutare. Rivolgersi solo e sempre ad un medico, l’unico autorizzato a fare diagnosi e terapie, e l’unico che può valutare se e come intervenire con terapie integrate. Evitare l’automedicazione.
Dr Francesco Perugini Billi©copyright
Torna su